Blog

26 Apr
0

Memoria, onore, presidio, questo è il 25 aprile

Oggi è stata una giornata davvero piena e toccante.

Una giornata in cui sono riaffiorati alla mente i racconti di mio padre, di mio zio, partigiano in Valle Pesio, dei rastrellamenti fatti a Margarita, dove sono nato, e, insieme, le pagine di Beppe Fenoglio, immortali e dolorose.

Una giornata in cui in San Domenico ad Alba, a Valdivilla, a Treiso, abbiamo reso omaggio al coraggio di chi ha combattuto, di chi ha resistito, di chi ha fatto la staffetta, di chi ha perso la vita per guadagnare la libertà.

Il nucleo della nostra Costituzione

Quella libertà di cui, oggi, tutti noi godiamo.

E abbiamo reso onore a chi ha lottato per difendere i diritti inalienabili, i doveri inderogabili e i valori di uguaglianza, democrazia e libertà, che, poi, sono stati i principi fondanti della Carta Costituzionale, cardine della nostra Repubblica.

Una libertà tanto più preziosa oggi, quando sulla scena politica affiorano sovranismi pericolosi.

La fiaccolata a Treiso

Non più “prima” e “io” ma “insieme” e “noi”

Condivido in pieno – e riporto qui – la riflessione espressa da Maurizio Marello nel suo discorso, al sacrario di Treiso.

Là Marello ha lucidamente inquadrato gli “agenti inquinanti” di questo periodo storico, che ha definito “preoccupante per le troppe similitudini con l’avvento del Fascismo”.

Gli agenti inquinanti sono le parole “prima”, “io” e “paura”, che sdoganano la pulsione a prevalere sugli altri, alimentano egoismi e settarismi, generano insicurezza, ansia e tensione.

Parole inquinanti che andrebbero sostituite con “insieme”, “noi” e “fiducia”.

Perché solo sulla collaborazione, sull’impegno, sul rispetto si può fondare una società civile, libera e democratica, che tuteli il benessere di tutti i suoi cittadini.

Ed è questa la società che vogliamo.

Olindo Cervella

Leggi di più...
24 Apr
0

Il 25 aprile, il seme della rinascita della nostra Italia

Il 25 aprile è uno dei giorni più importanti della nostra storia recente, della storia del nostro Paese. Un giorno simbolo della rinascita della democrazia, della liberazione dalla dittatura, della libertà di espressione di sé, che fosse attraverso il pensiero, la parola, la fede, l’orientamento politico, religioso o sessuale.

È questo il giorno simbolo della rinascita dell’Italia dalle ceneri della guerra, delle brutture, delle miserie e del Fascismo. Da quel seme è nata l’Italia di oggi e la libertà di espressione di cui oggi godiamo è frutto del sacrificio di quei tanti che contro l’oppressione si sono battuti, che dalla guerra non sono tornati.

Per questo motivo è ancora più importante celebrare, oggi, la ricorrenza del 25 aprile. Tanto più qui, nella nostra città di Alba, che il 12 ottobre 1949 venne insignita della medaglia d’oro al valor militare per i meriti nella guerra di Liberazione.

Ricordare per tutelare la democrazia

Oggi è vitale rendere omaggio e ricordare, insieme ai reduci sopravvissuti e ai familiari di chi non è più. Per non dimenticare mai a cosa può condurre l’odio, il cercare nell’altro, nel diverso, un pericolo, se non addirittura un nemico.

Tanto più nel momento attuale, in cui venti di sospetto e populismo fomentano le paure della gente, è essenziale non perdere di vista il faro della democrazia, la spinta alla cooperazione, il senso del dovere e il senso civico del rispetto.

Le commemorazioni dal San Domenico a Treiso

Per testimoniare tutto questo, parteciperò con viva emozione alle manifestazioni del 25 aprile, alle 9 in San Domenico, poi alle 11 a Valdivilla e alle 19.30 a Treiso, dove si svolgerà la tradizionale fiaccolata al Pilone votivo dei Canta.

Parteciperò con trasporto sincero, perché di fronte alle minacce dell’inciviltà la prima difesa è il presidio silenzioso e saldo delle virtù  della democrazia.

Olindo Cervella

Leggi di più...
23 Apr
0

Grandi giovani

Da mesi, un’adolescente svedese è riuscita a catalizzare l’attenzione del mondo sui problemi del clima come forse nessun altro era riuscito a fare.

Gli appelli della sedicenne Greta Thunberg hanno scosso coscienze e masse. Centinaia di migliaia di giovani hanno risposto all’appello manifestando e agendo, mettendo in campo campagne di pulizia, piantumazione di alberi e sensibilizzazione per cercare di non arrivare al “punto di non ritorno”, quello che potrebbe portare alla desertificazione della Terra.

“Non si è mai troppo piccoli per fare la differenza”, sostiene Greta, parlando con i giornalisti, richiamando alle loro responsabilità i governanti di vari Paesi.

Al centro, con la maglietta bianca, Edoardo Bosio a Roma, poco prima di incontrare Greta Thunberg

Ancora “Non si è mai troppo piccoli per fare la differenza”, affermano i giovani nelle tante manifestazioni in cui hanno rivendicato il loro diritto a parlare e a decidere per le sorti di questo mondo.

Sono fermamente convinto che abbiano ragione.

Ognuno può dare l’esempio

Perché ognuno può dare l’esempio, agire, sensibilizzare, rivendicare i diritti di una Terra che non può parlare ma ci sta lanciando segnali allarmanti. Ognuno può decidere se ascoltarla e prendere provvedimenti. Ognuno può fare la differenza.

Lo può fare Ognuno di noi, ma i giovani di più. Perché la loro spinta genera negli altri condivisione, empatia, desiderio di non rimanere indietro, forse anche vergogna di non aver fatto abbastanza.

Un grazie ci vuole, anzi tanti

Per questo penso che i giovani siano risorse preziose. Per questo vorrei ringraziare pubblicamente tutti i giovani che, in vario modo, hanno deciso di impegnarsi e sostenere la coalizione di centrosinistra e la mia candidatura.

Grazie a chi si è candidato e a chi ha aiutato a scrivere il programma, a chi ci ha suggerito idee e a chi ci ha indicato correzioni.

Ancora grazie a chi ci supporta e a chi partecipa alle serate e agli incontri, a chi mi ha accompagnato in giro e a chi ha fatto l’attivista nei gazebo.

E grazie a chi, giovane o no, si impegna, ogni giorno per cercare di rendere migliore la nostra città, la nostra società. Grazie a quelli che ci sono e a quelli che ci saranno, con noi, animati da solidarietà e senso civico, spinti dall’impegno e dalla determinazione, affidabili, seri, sensibili e creativi.

A tutti loro grazie di aver creduto in questa sfida, grazie di correre con noi.

Ma, soprattutto, grazie dell’esempio che offrite!

Olindo Cervella

Leggi di più...
01 Apr
0

Un mese di campagna, 3.000 strette di mano

Nel primo mese di campagna elettorale dal momento della presentazione ufficiale, il 1 marzo, Olindo Cervella, il candidato sindaco della coalizione di centro sinistra, ha già effettuato 14 incontri e un convegno sul tema delle politiche sociali, presenziato a 5 gazebo elettorali per le vie e stretto circa 3.000 mani.

In questa settimana, Olindo Cervella sarà impegnato a incontrare i cittadini di San Rocco Cherasca martedì 2 aprile alle 21 nel circolo sanrocchese. Mercoledì 3 aprile alle 21 sarà alla Locanda del Barbaresco per incontrare i cittadini di San Rocco Seno d’Elvio e Madonna di Como.

Giovedì 4 aprile sempre alle 21 sarà al centro anziani di via Rio Misureto per incontrare i residenti del quartiere Moretta.

Lunedì 8 aprile alle 21 nella locanda Magna Neta incontrerà invece gli abitanti di San Cassiano.

“Sono molto felice di incontrare gli Albesi perché dal colloquio, dal confronto nascono sempre delle ottime proposte per arricchire il nostro programma che, peraltro, è già nato ascoltando i cittadini attraverso centinaia di interviste, prendendo spunto dalle sollecitazioni degli Stati generali del sociale e dalle proposte del convegno parte le tue idee”, ha detto Olindo Cervella, annunciando che nelle prossime settimane ci saranno incontri specifici con diverse categorie professionali.

Sono già aperte le prenotazioni per la cena informale che si terrà nel salone degli Alpini di Guarene venerdì 12 aprile, dalle 20. A cucinare il saporitissimo menù saranno Davide e Andrea Adriano, Coj Colomba.

Per prenotare un posto ed eventualmente indicare se si è allergici, vegetariani o celiaci, basta cliccare sul bottone nell’home page del nostro sito

Leggi di più...
21 Mag
0

“Se ce l’ho fatta io, tutti possono farcela”

In questi giorni di impegni stringenti vogliamo sollevare il cuore verso i sogni, riproponendo qui una domanda fatta da vari giornalisti di importanti testate locali e nazionali, in occasioni diverse.


Per cosa vorrebbe essere ricordato se fosse eletto sindaco?

“Ho in testa l’idea di istituire un polo di alta formazione tecnologica in città, magari nella sede dell’ospedale San Lazzaro, dopo il trasferimento dei reparti a Verduno. Credo nella tecnologia come nella più lungimirante forma di investimento e sono certo che sarebbe un efficace percorso di formazione per i giovani, rispondente ai bisogni della società attuale e futura. Alcuni settori, come il tessile, sono maturi, non possiamo competere con India e Cina. Ma nell’alta tecnologia possiamo essere competitivi. Vent’anni fa pochi al mondo conoscevano Pollenzo. Oggi, grazie all’Università di scienze gastronomiche migliaia di persone conoscono quel borgo di Bra. Inoltre l’edificio del San Lazzaro è talmente grande che potrebbe ospitare senza difficoltà anche una clinica per i malati di Alzheimer, di cui c’è tanto bisogno in zona. Altro aspetto positivo è che la Regione, che ne detiene la proprietà, potrebbe essere partner del progetto, insieme a Università e aziende multinazionali”.  


Se dovesse invitare gli albesi a votarla, cosa direbbe?

“Quello che ho detto durante l’appello al voto, che ho lanciato durante il dibattito tra i candidati sindaci organizzato dall’Aca:

Prima di tutto direi “Andate a votare, perché votare è atto di responsabilità e di libertà”. E poi li inviterei ad assegnare la propria preferenza chiedendosi prima quali qualità vorrebbero da un amministratore. La coalizione che mi sostiene ritiene che io possa offrire esperienza, un approccio concreto e determinato a risolvere i problemi, anche i più spinosi, e la passione che mi ha sempre spinto in ogni azione e di cui la mia vita è testimonianza. Quando ero un ragazzino ho perso mio padre e sono finito in orfanatrofio ad Alba. Ho conosciuto la povertà più nera e l’emarginazione, il pregiudizio. Alba mi ha dato opportunità, mi candido perché vorrei che tutti avessero le stesse possibilità. Se ce l’ho fatta io, tutti possono farcela!”

Leggi di più...
20 Mag
0

Per amministrare servono persone perbene

In questi giorni di pressante battage elettorale, vorrei innanzitutto lanciare un appello ad andare a votare.

Negli ultimi anni c’è stato un crescente astensionismo, la gente si è sentita lontana dalla politica, come se non la riguardasse. Ma la politica riguarda tutti noi, perché da essa dipendono le linee amministrative di una città, le opportunità, le agevolazioni, le tasse, i provvedimenti a tutela della natura, che è la nostra casa comune.

Votare è un atto di libertà, che ci permette di esprimere le nostre preferenze e scegliere chi ci rappresenterà in Comune, in Regione, in Europa.

Ecco come sarà la scheda per le comunali

Sulla scheda comunale, di colore azzurro, occorre tracciare un segno sul candidato sindaco prescelto…e spero di essere io. Si possono poi indicare fino a due preferenze per i consiglieri, tracciando una croce sul simbolo di una lista, scrivendo, a fianco, i cognomi di due candidati consiglieri appartenenti alla stessa lista e di sesso diverso, altrimenti la seconda preferenza verrà annullata.

La coalizione di centrosinistra, rappresentata dalle liste Alba attiva e solidale, Alba città per vivere, Impegno per Alba e Partito democratico, ha deciso di candidare me come sindaco di Alba perché ritengono che sia una persona all’altezza del compito e perbene, di sani principi. Per tanta stima le ringrazio con calore. Mi sento onorato e so che saranno concordi con me nel voler coinvolgere quanto più possibile la gente nelle decisioni della città.

In Regione voterò Chiamparino e Marello

Per la Regione (scheda verde) io voterò Sergio Chiamparino, che ha salvato la sanità regionale dal commissariamento e promuove una politica positiva di attenzione alle persone, ai valori, all’integrazione sociale e alla cultura.

E voterò per il Consiglio regionale Maurizio Marello (Pd), che ha amministrato Alba per 10 anni, risanando tutti i debiti e realizzando opere pubbliche per oltre 60 milioni di euro. Con Marello in Alba non ci sono stati più conflitti di interesse, è stata aperta la scuola media della Moretta che la città attendeva da oltre 40 anni, il turismo ha avuto un’impennata e, grazie alla sua buona amministrazione, chi guiderà la città, a settembre, potrà appaltare lavori per quasi 10milioni di euro. Sono motivi più che validi per sostenere la sua candidatura al Consiglio regionale, dove certamente si impegnerà con altrettanto rigore morale e serietà.

Leggi di più...
19 Mag
0

Tutela delle attività produttive: ecco le nostre idee

In questi mesi abbiamo incontrato molti commercianti, imprenditori, titolari di attività artigiane, che ci hanno fatto presenti difficoltà e problematiche personali e di categoria, oltre che quelle legate alle aree della città dove sono dislocate le loro attività.

Abbiamo quindi elaborato un prospetto specifico per le attività produttive, che potete vedere cliccando qui.

I grandi temi, tutti strettamente connessi

In questa sezione sono raccolti i grandi temi, dalla viabilità ai giovani, dalle politiche per l’ambiente a quelle, appunto, finalizzate a tutelare e, se possibile, agevolare i settori produttivi.

Abbiamo pensato di raccogliere insieme questi temi perché sono strettamente connessi, perché, giusto per fare un esempio, se migliora il traffico, ne avrà giovamento l’ambiente, ma anche il panettiere che deve fare una consegna dall’altra parte della città.

Ecco quindi le nostre idee, tema per tema. E se avete altre proposte, scriveteci sulla pagina facebook oppure a staff@olindocervella.it.

Insieme potremo realizzarle!!

Leggi di più...
18 Mag
0

In mille in piazza per dire Sì ai valori civili

Coerenza, solidarietà, attenzione alle persone, etica, doveri, ecologia, tutela del lavoro, rispetto delle regole. Unità dell’Europa contro i nazionalismi. Questi i grandi temi attorno ai quali Sergio Chiamparino, Ivana Borsotto, Mercedes Bresso, Maurizio Marello e Olindo Cervella hanno declinato i loro interventi, giovedì 16 maggio, in una piazza Duomo gremita.

E la piazza ha risposto con entusiasmo ed emozione.

Marello: “Cervella potrà guidare Alba con autorevolezza, competenza e onestà”

“Sono sicuro che, se sarà eletto sindaco, Olindo Cervella potrà guidare Alba con autorevolezza, competenza e onestà, secondo le regole di rigore etico che ha sempre applicato nella sua vita professionale e politica”, ha dichiarato Maurizio Marello, non nascondendo la commozione nel suo ultimo discorso di piazza da sindaco di Alba.

“Tutte le volte che c’era una grana, come l’Apro o l’Ottolenghi, chiamavamo Olindo Cervella a risolverla. E ci è sempre riuscito bene”, ha continuato Marello. “La sua è una storia di impegno e riscatto sociale e sono felice che, per una volta, lo chiamiamo senza che ci siano problemi da sanare e siamo pronti a consegnargli una città dai conti in regola e con tante possibilità pronte a fiorire”

90 candidati a sostegno di Olindo

Preceduto dai 90 candidati, che stanno sostenendo la sua corsa alla carica di sindaco,  Olindo Cervella ha presentato le loro linee guida. “Il nostro è un programma nato da idee e richieste presentate dai cittadini. Oltre 500 persone sono state interpellate. La sintesi delle loro istanze racchiude progetti concreti, con gli aspetti da migliorare, valorizzare e da realizzare in ogni quartiere e frazione, che sono visibili sul sito internet”.

Tanti progetti per ogni quartiere

Le schede che raccolgono idee e progetti per ogni quartiere sono visibili cliccando qui .

“Abbiamo idee per rendere Alba più ecosostenibile, meno inquinata e meno assediata dal traffico con nuove strade e nuovi parcheggi. Abbiamo progetti concreti per difendere il lavoro, l’imprenditoria e il commercio e valorizzare ogni quartiere con eventi culturali, sportivi, artistici e folcloristici, piani per renderla più smart, utilizzando la tecnologia per semplificare la vita dei cittadini e aiutando tutti a usufruire di queste innovazioni. Idee per i giovani, come il polo di alta formazione tecnologica e saloni per i concerti e per studiare”, ha riassunto Olindo.

Cervella: “Non tratterrò per me alcun compenso”

“Abbiamo idee per realizzare Case di quartiere, usabili da tutti, poli fieristici e congressuali nelle aree industriali dismesse.  Se sarò eletto sindaco”, ha concluso Cervella, “svolgerò, come ho sempre fatto, l’incarico pubblico senza percepire compensi, e vorrò assessori con preparazioni specifiche e, ad ognuno, vorrei affiancare uno o due consiglieri, per rendere ancora più semplice e rapido il contatto tra gli amministratori e i cittadini”

Cervella ha concluso: “Quando sono arrivato qui, orfano, a 11 anni, Alba mi ha dato tante opportunità. Mi candido sindaco per mettere a disposizione della città e dei cittadini la mia esperienza. Perché vorrei che tutti avessero quelle stesse occasioni di crescita e riscatto! “

Leggi di più...
17 Mag
0

Costruiamo insieme il futuro

Quando abbiamo scritto il programma abbiamo intervistato 100 persone, analizzato le centinaia di richieste fatte dai cittadini negli Stati generali del sociale.

Abbiamo esaminato le 102 proposte emerse dal convegno Porta le tue idee e quelle giunte su questo sito.

Gli incontri nei quartieri stanno rappresentando l’opportunità vera e concreta per mettermi effettivamente all’ascolto dei cittadini.

Sono un reale momento di confronto, di apertura e di dialogo.

Sono stati un’occasione utile per presentare le persone che fanno parte della mia squadra, che credono nei miei stessi valori e con le quali sto portando avanti un programma elettorale condiviso.

Siamo una squadra coesa! Ora dopo più di 15 incontri in quartieri, frazioni e borgate abbiamo ulteriormente perfezionato il programma e abbiamo raccolto le proposte in schede diverse, una per ogni ambito territoriale.

Se non avete avuto modo di partecipare a questi incontri di quartiere o vi è sfuggito qualche punto del programma, potete dare alla pagina dedicata>>

Leggi di più...
13 Mag
0

Con Federico Pizzarotti in via Maestra

Care amiche e cari amici di Alba, nel pomeriggio di oggi, domenica 12 maggio, ho avuto modo di incontrare Federico Pizzarotti, il sindaco di Parma, in via Maestra.

Più volte, durante gli incontri nei quartieri o con associazioni di categoria, ho precisato che i miei modelli di primi cittadini sono due: Beppe Sala e Federico Pizzarotti.

Beppe Sala perché ha saputo amministrare molto bene una metropoli come Milano, coniugando slancio verso il mondo con l’attenzione alle persone e all’intergrazione.

Federico Pizzarotti, perché ha avuto il coraggio di sganciarsi dal Movimento in quota al quale si era presentato alle elezioni, per portare avanti liberamente iniziative che riteneva utili e necessarie per lo sviluppo della città e il benessere dei cittadini.

Oggi abbiamo avuto modo di confrontarci, in modo breve ma preciso, su diversi aspetti e sono molto felice di aver avuto questa opportunità.

Parma e Alba possono davvero far fiorire collaborazioni virtuose, anche partendo dalla comune appartenenza alla rete delle città creative Unesco per la gastronomia. Ma non solo….Le idee sono molte!

Se avrò l’onore di essere eletto sindaco, mi impegnerò per condividerle con i cittadini e per offrire ad Alba nuove opportunità.

Olindo Cervella

Leggi di più...
12 Mag
0

Nella festa della mamma, alcune riflessioni sulle donne

MOggi, festa della mamma, il mio pensiero corre a Teresa, la mia mamma, che oltre a me allevò da sola altri 7 bambini, e a Lidia, la mia splendida moglie, che mi ha regalato 3 figli. E attraverso di loro a tutte le donne, che credo andrebbero più onorate e valorizzate, ogni giorno dell’anno. Perché ogni essere umano è nato da una donna e troppo spesso ce ne dimentichiamo.

Olindo Cervella con due grandi mamme, Anna Levi, a sinistra, ed Elena Di Liddo, alla sua destra

In Italia le politiche familiari a livello statale sono ancora minime rispetto a quelle attivate in Francia o in Germania. È vero che Alba già ora supera gli obiettivi di Lisbona 2020 in termini di servizi alla prima infanzia.

Le politiche familiari vanno potenziate

Ma non possiamo fermarci qui. Sono convinto poi che il Comune debba potenziare le iniziative a sostegno della gestione familiare anche in estate e nelle vacanze scolastiche.

Occorre sviluppare ulteriormente servizi attivi, integrando l’offerta formativa già esistente nelle fasce della scuola dell’infanzia e della primaria, aumentando le sezioni a tempo pieno e anche i servizi integrativi, ampliando in tutte le scuole i corsi e i laboratori aggiuntivi pomeridiani, meglio se utilizzando le sedi scolastiche.

Aiutare le famiglie nella cura di bambini e anziani

Se sarò eletto sindaco, innanzitutto mi impegnerò per affiancare a ogni assessore uno o due consiglieri, in modo che la trasmissione delle informazioni sia più rapida e funzionale e poi mi impegnerò perché il Comune studi insieme alle associazioni di categoria formule di welfare aziendale specifico, per garantire agli associati sconti e agevolazioni ad hoc per accedere ai servizi parascolastici aggiuntivi a pagamento.

Sappiamo che oggi all’assistenza ai bambini si aggiunge spesso la necessità di cura degli anziani. Per questo abbiamo previsto specifiche forme di supporto nel nostro programma.

Leggi di più...
09 Mag
0

Un brindisi e un evento per Alba Attiva e Solidale

La lista coordinata dal dottor Roberto Giachino, Alba Attiva e Solidale, ha in programma un doppio appuntamento per il 10 maggio.

Un venerdì densissimo, quello dei 20 candidati capeggiati da Giachino, che alle 18.30 si troveranno per un aperitivo all’Ape wine bar in piazza Risorgimento e poi, alle 20.30 si sposteranno alla Moretta, nei giardini davanti al Palazzetto, per un vento a sorpresa targato Mimmo Caruso.

Durante questi due appuntamenti i candidati si presenteranno alla città e ci sarà modo di conoscerli più da vicino e confrontarsi con loro sulle loro idee per migliorare ancora Alba.

Ecco i loro nomi: Roberto Giachino, Anna chiara Cavallotto, Domenico (Mimmo) Caruso, Carlino Belloni, Angelica Borio, Giovanni Bosticco, Marco Buccolo, Michele Cauda, Pier Giuseppe (Beppe) Cencio, Giuseppina (Pinuccia) Destefanis, MIrela Gavril, Camilla Gonella, Gerardo Mastropietro, Matteo Morra, Luisella Rabino, , Alberto Rando, Danilo Romani, Luca Sensibile, Rosalba Speranza (in Maggi), Elena Verna.

Leggi di più...
03 Mag
0

Impegno per Alba leva i calici

Il brindisi di Impegno per Alba è stato baciato dal sole.

Circa 200 persone hanno affollato la metà della piazza che guarda verso via Maestra, per ascoltare l’intervento introduttivo di Rosanna Martini e le parole piene di stima con cui Olindo Cervella ha presentato i suoi 24 candidati, uno ad uno.

Ecco alcune belle foto della presentazione

Ed ecco i profili dei 24 candidati consiglieri:

Gianluigi (Gigi) BIESTRO Nato ad Alba il 25/03/56, dopo la  Scuola Enologica e quella di Amministrazione aziendale di Torino,  a 21 anni è entrato in Confcooperative Piemonte. Ha proseguito l’esperienza nella cooperazione per tutta la vita grazie alla Vignaioli Piemontesi.

Giuseppina BORGOGNO Nata a La Morra nel 1949, risiede ad Alba dal 1972. Vedova, ha due figli ed è nonna di tre nipotini. Dopo una vita spesa a insegnare, si è dedicata al volontariato, alla Consulta Pari Opportunità e, dal 2015,  all’impegno di consigliere comunale.

Sergio BUFFA Nato a Villafranca P.te, impiegato nello sviluppo tecnico e investimenti di un’azienda alimentare. Da sempre attento all’ambiente e allo sviluppo sostenibile, è co-fondatore di Ampelos, onlus che promuove progetti di sviluppo agroalimentare ed educativo in Africa.

Roberto BURELLO  Nato ad Alba nel 1962, è sposato e padre di due figli. Dopo la maturità classica si è laureato in Medicina e chirurgia. È responsabile del Centro residenziale di cure palliative -Hospice Bra. È altresì scout e animatore in Agesci e per la Diocesi di Alba.

Michela CORINO Ha 47 anni, lavora come educatrice professionale nell’Albese. È sposata e ha un figlio di otto anni. È stata consigliera comunale e poi vicesindaco a Verduno; si candido ad Alba perché per me è città di riferimento.

Silvio BIGLINO Nato ad Alba nel 1965, dopo il diploma da geometra e lavori nell’edilizia, ora conduce un’azienda agricola. Dal 2014 al 2019 ha presieduto il Comitato di Quartiere di Piana Biglini, dove era impegnato già dal 2011. È nel direttivo Fidas di Monticello e in quello Acli di Scaparoni.

Edoardo BOSIO Ha 20 anni, dopo il diploma al liceo Da Vinci, in cui è stato rappresentante d’istituto per due anni, ora frequenta la Facoltà di Giurisprudenza. È tra i fondatori dell’Associazione democratica albese (Ada), che vorrebbe coinvolgere i giovani ai temi sensibili di attualità.

Claudia CULASSO Nata ad Alba nel 1964, vive a San Cassiano, è sposata e mamma di due figli. Lavora, come responsabile della gestione contabile, presso un Ente morale Albese. Ama il teatro e fa parte della compagnia Nostro Teatro di Sinio.

VIVIANA FREDIANI È nata a Napoli il 1 maggio 1985. Dal 2015 Alba è la mia seconda patria. Laureata in giurisprudenza con lode, ha l’abilitazione come avvocato ma ha scelto di svolgere la professione di notaio. È membro del Rotary club e mamma di una splendida bimba.

Elio GERLOTTO Ex funzionario Miroglio. Per 15 anni presidente dell’oratorio del Divin Maestro e per due mandati vice presidente del Piave. È impegnato come volontario Cva per trasporto disabili, presso l’Emporio della Solidarietà e per la onlus Amici della Missione.

Daniela GHIGLIA Nata ad Alba nel 1965, è sposata e madre di due figli. Laureata in Chimica industriale a Torino, insegna dal 1988. Dal 2002 lavora all’IISS “P. Cillario Ferrero” di Alba. È impegnata in attività di animazione giovanile.

Valentina GHIONE Nata nel 1984, dopo il diploma al liceo linguistico, la laurea in Lettere, la laurea magistrale in Scienze linguistiche e numerosi corsi di formazione sulla Logogenia, è stata a lungo insegnante di sostegno e ora è docente di Lettere. È sposata e mamma di una bimba.

Ornella GIACOSA Nata nel 1965, vive da sempre ad Alba. È sposata e mamma di due figli. Diplomata in ragioneria, si occupa di amministrazione. Partecipa attivamente alla vita di città, degli scout, della scuola. Collabora con una casa di accoglienza e all’organizzazione di un campo estivo.

Stefano OLIVERO Nato nel 1984, sono sposato e papà di una bimba. Si è laureato al Politecnico di Milano, ora lavora come progettista meccanico nel settore dell’automazione industriale. È cattolico praticante, europeista, impegnato nel volontariato da diversi anni.

Gioele PORRO Ha 24 anni ed è studente in Ingegneria Energetica e Nucleare. Abita in frazione Piana Biglini e da diversi anni vive il territorio albese come capo scout, lavorando per rendere Alba un posto migliore.

Sarah QUAZZOLO Nata e cresciuta ad Alba, laureata in giurisprudenza e impiegata presso l’ufficio commerciale di un’azienda locale. Ho deciso di intraprendere questo percorso perché nutro profonda stima per Olindo Cervella e per la sua storia di coraggio e rivincita.

Antonella ROLETTI BONGIOVANNI Nata a Cuneo, vive a Racca con il marito Adriano Bongiovanni ex Sindaco di Guarene e i loro tre bambini. Esercita da 25 anni la professione di Dottore Commercialista, partecipando alle iniziative dell’Ordine professionale e a varie associazioni per le pari opportunità.

Raffaele SEGHESIO È nato nel 1978 e vive ad Alba con la mia famiglia. Medico, lavora presso l’ospedale della nostra città come Chirurgo senologo. Afferma di voler sostenere Olindo Cervella perché lo stima come uomo ed imprenditore e crede nel suo progetto per Alba.

Davide TIBALDI Nato nel 1976, vive  a Mussotto con la moglie e i loro 3 figli. Volontariato, sport e associazionismo sono le sue passioni. Laureato in Scienze Motorie, dal 2011 al Village + Sport di Alba è responsabile della metodologia Joy of Moving

Franco RIVETTI È un consulente finanziario, lavora ad Alba da oltre 45 anni. Ha la volontà di mettersi a disposizione della città e dei suoi abitanti. Condivide totalmente il programma di Olindo Cervella e ne apprezza l’approccio serio e concreto.

Roberto ROLFO È nato ad Alba nel 1963, sposato con Ornella e padre di Simone di 21 anni e Francesco di 19. Ha lavorato in diverse aziende nel settore commerciale e si è impegnato in attività, enti e associazioni sportive, sociali e civiche.

Sandro SANDRI Nato a Torino nel 1963, vive ad Alba da sempre. Insegna Matematica all’Istituto Vallauri di Fossano, da oltre 30 anni è allenatore di Atletica. Dichiara: “Voglio sostenere Olindo Cervella perché è una persona seria, onesta e di grande esperienza. Sono certo che saprà amministrare molto bene la città”.

Daniela ZAINO Vive ad Alba con il marito e le due figlie. Dopo tanti anni in Rotoalba si occupa ora di Comunicazione e Marketing sul Web. Sostiene: “Se si condivide un obiettivo le strade per raggiungerlo vanno cercate insieme: è questo lo stile che ho fatto mio in tanti anni di attività nei gruppi giovanili”.

E mentre gli ospiti brindavano con i vini Fontanafredda, Olindo è stato videointervistato da Ideawebtv

Durante il suo intervento, Olindo Cervella ha dichiarato: “Grazie a tutti i candidati per la serietà e l’impegno nel sostenermi. Grazie ai candidati della coalizione per la lealtà e la determinazione con cui stanno affrontando questa campagna”.

Olindo ha poi concluso ringraziando “Mimmo Caruso per il supporto organizzativo di questa serata e 100 Vini per l’eccellente servizio aperitivo svolto. Ma soprattutto, grazie ai giovanissimi candidati per l’energia e l’ispirazione che offrono”.

Infine Olindo Cervella ha concluso: “Nei prossimi 24 giorni si susseguiranno gli appuntamenti per conoscerci meglio e per illustrare a fondo il nostro articolato programma (clicca qui per leggere la versione estesa oppure clicca qui per quella sintetica): i prossimi saranno il dibattito alla fondazione Mirafiore e la festa nel verde, a parco Tanaro domenica 5, con lo spettacolo di Bingo, i giochi dinamici e le gimkane con le bici. Venite, con figli e nipoti, sarà una bella occasione di stare insieme!”

Leggi di più...
02 Mag
0

Oltre 500 persone ad Alba BALLA il 1° maggio. Le foto

Oltre 500 persone si sono trovate a ballare al parco Boeblingen per festeggiare il primo maggio. Alba BALLA il primo maggio è stata un successo grande, oltre le aspettative. Una grande festa nel verde, colorata e divertente, con ottima musica, tanta voglia di divertirsi… e i piatti gourmand del food truck Coj Colomba.

Oggi è stata una grande emozione, grazie agli Endless fall, agli Astor Novas e ai Tuttafuffa dj e al service audio di Roberto Bazzano. Ma soprattutto grazie alla bella energia che si respirava, all’entusiasmo dei ragazzi, al dinamismo e alla disponibilità di tutti i candidati della coalizione.


Energia positiva pura

Grazie al calore vibrante della gente intervenuta. Grazie per la civiltà del pubblico, che ha lasciato il prato perfettamente pulito.

Grazie ai fratelli Adriano di Coj Colomba e al loro staff per gli eccellenti piatti serviti sempre col sorriso; grazie alla signora Margherita, del bar Hzone, per la cortesia, la solerzia, la professionalità e la disponibilità.

Grazie di cuore a tutti coloro che hanno partecipato, in particolare a Maurizio Marello per le parole colme di stima e di fiducia rivolte verso di me.

A Maurizio, uomo capace e integerrimo, che insieme alla sua squadra, è riuscito a realizzare opere pubbliche per 60 milioni di euro in 10 anni e a lasciare la città di Alba con un bilancio sano, senza debiti, va tutta la mia stima e riconoscenza.

Sono convinto che, anche in questo nuovo impegno da candidato consigliere regionale, Maurizio meriti la fiducia di tutti noi, per le attitudini e le qualità dimostrate.

Tutta la festa una foto dietro l’altra

E per dare un’idea più precisa del clima positivo di questa sera, ecco una fotogallery, che spazia dalla fase di montaggio, nel pomeriggio, a quando, finita la musica alle 23 è stato smontato tutto e nulla è rimasto sul prato a testimoniare che vi era stata una festa così movimentata.

E buon primo maggio a tutti!

Olindo Cervella

Leggi di più...
123