MOggi, festa della mamma, il mio pensiero corre a Teresa, la mia mamma, che oltre a me allevò da sola altri 7 bambini, e a Lidia, la mia splendida moglie, che mi ha regalato 3 figli. E attraverso di loro a tutte le donne, che credo andrebbero più onorate e valorizzate, ogni giorno dell’anno. Perché ogni essere umano è nato da una donna e troppo spesso ce ne dimentichiamo.

Olindo Cervella con due grandi mamme, Anna Levi, a sinistra, ed Elena Di Liddo, alla sua destra

In Italia le politiche familiari a livello statale sono ancora minime rispetto a quelle attivate in Francia o in Germania. È vero che Alba già ora supera gli obiettivi di Lisbona 2020 in termini di servizi alla prima infanzia.

Le politiche familiari vanno potenziate

Ma non possiamo fermarci qui. Sono convinto poi che il Comune debba potenziare le iniziative a sostegno della gestione familiare anche in estate e nelle vacanze scolastiche.

Occorre sviluppare ulteriormente servizi attivi, integrando l’offerta formativa già esistente nelle fasce della scuola dell’infanzia e della primaria, aumentando le sezioni a tempo pieno e anche i servizi integrativi, ampliando in tutte le scuole i corsi e i laboratori aggiuntivi pomeridiani, meglio se utilizzando le sedi scolastiche.

Aiutare le famiglie nella cura di bambini e anziani

Se sarò eletto sindaco, innanzitutto mi impegnerò per affiancare a ogni assessore uno o due consiglieri, in modo che la trasmissione delle informazioni sia più rapida e funzionale e poi mi impegnerò perché il Comune studi insieme alle associazioni di categoria formule di welfare aziendale specifico, per garantire agli associati sconti e agevolazioni ad hoc per accedere ai servizi parascolastici aggiuntivi a pagamento.

Sappiamo che oggi all’assistenza ai bambini si aggiunge spesso la necessità di cura degli anziani. Per questo abbiamo previsto specifiche forme di supporto nel nostro programma.